Punto di domanda

Pessimismo socio-culturale

Le utime dal diario

La lella
La lellahttps://www.diariodiunalella.it
Lella fin da piccola, ho sempre seguito questo motto: "sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo". Credo che la sessualità e l’identità siano elementi soggettivi, tanto che qualsiasi regola non sarebbe mai quella perfetta. Nessuno di noi è solo una cosa e non esiste una definizione che possa andare bene sia per me che per te. A dire il vero, esiste un’etichetta in cui mi sento perfettamente a mio agio ed è proprio l’essere me stessa, perché è fatta su misura per me, racchiude tutto ciò che sono ed è pronta ad accogliere ciò che sarò.

Quando ci si ritrova ad un punto morto ci si domanda come reagire e quale sarà la conseguenza. Il punto di domanda, che spesso ci invade i sensi, crea una sensazione del tutto disordinata alla quale consegue a uno stato di agitazione e di malessere.

Credo che questo sia principalmente dovuto al ritmo della vita di oggigiorno che ci rincorre a più non posso fino ad ingoiarci e angosciarci. Basti pensare ai bimbi delle scuole elementari; il ritmo costante della settimana prevede:

  1. Scuola
  2. Sport
  3. Musica
  4. Compiti
  5. Amici (se rimane del tempo)

Per non parlare poi degli adulti. Lavoro continuo ed assiduo, gestione dei figli, se ve ne sono, della casa, amministrazione dei documenti e varie scartoffie, hobby vari, nella misura del possibile, e, infine, se non si è troppo stanchi, il sabato sera per un po’ di sano svago.

Una vita all’insegna della rapidità e della produttività che non ci lascia neanche il tempo per le vere domande della vita. Non essendoci tempo per pensare ed elaborare, ma soltanto per produrre, ci si lascia schiacciare dal sistema, creato appositamente affinché le persone non si rendano conto della loro trasformazione in un essere che ogni mattina, da tot a tot ora, fa costantemente le stesse cose.

Tanto tempo fa – in un paese lontano lontano – greci e latini avevano molto spazio per la cultura tanto che si assisteva a una veloce e graduale progressione verso il sapere, oggi invece assistiamo esattamente al fenomeno inverso, ovvero un costante declino del proprio io per arrivare all’agglomerazione di ogni individuo.

Così la parola “individualità” sta lentamente perdendo il suo valore per lasciar spazio al surrealismo antifreudiano. Ricordiamoci che l’individualità è il segno del genio o del suo contrario; la mediocrità si sente al sicuro nella standardizzazione.

In conclusione, l’effetto mediatico, che ha preso largamente il sopravvento, ha incantato le menti dell’umanità, rendendoci tutti, senza eccezioni, una demenziale banda di caproni.

Articolo PrecententeControcorrente
Articolo SuggessivoLe cozze e il caviale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Le ultime dal blog

Altri articoli che potrebbero interessarti

- Advertisement -spot_img