Home Cultura Libri Game (L)over, una storia da leggere

Game (L)over, una storia da leggere

0
Game (L)over, una storia da leggere
Game (L)over

Game (L)over è una storia d’amore fra due colleghe.

Divorato in pochissimo tempo, una lettura senza pensieri è un sorriso quasi perenne. La storia di Erica e Arianna ti prende al punto da non mollare la lettura fino alla parola “fine”. Anzi, ci si ferma ogni tanto per calmarsi dalle risate. Personaggi esilaranti, per i quali è impossibile non provare empatia. Ho adorato in modo esagerato Luca, l’amico che tutti vorremmo. Spero ci sarà una storia tutta per lui. È stata davvero una storia deliziosa, letta col sorriso sulle labbra e con gli occhi a cuore.

Consiglio di leggerla assolutamente.

Qui di seguito le informazioni principali e la sinossi!

Riassunto:

Erica sembra finita in una fanfiction di ultima categoria.

Voglio dire, a quale persona normale capita di andare a sbattere contro una ragazza carina e di versarle addosso il caffè bollente? Come? Non era bollente? Ah, beh, ma tanto Erica non è nemmeno una persona normale.

E infatti ha invitato Arianna (la ragazza carina del caffè) a vivere da noi, visto che tanto fra poco viene a lavorare pure lei alla Gatto Obbediente. Come se fosse un buon motivo.

Come se non si fossero accorte che il resto del mondo vede come si guardano. Ma sì, dai. Pare si vogliano saltare addosso da un momento all’altro…

Secondo voi si ricordano che il capo non vede di buon occhio le relazioni tra colleghi? Se tra quelle due c’è qualcosa e si fanno beccare…

Meglio non pensarci troppo, che Erica ci tiene al suo lavoro. E io ci tengo che non lo perda, che sennò mi trovo di nuovo con una stanza libera (anzi, due, se se ne va pure Arianna) e trovare un coinquilino decente di ‘sti tempi è un casino.

Previous article Kamala Harris pro-lgbt
Next article Ratched, una psicosi vertiginosa su Netflix
Lella fin da piccola, ho sempre seguito questo motto: "sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo". Credo che la sessualità e l’identità siano elementi soggettivi, tanto che qualsiasi regola non sarebbe mai quella perfetta. Nessuno di noi è solo una cosa e non esiste una definizione che possa andare bene sia per me che per te. A dire il vero, esiste un’etichetta in cui mi sento perfettamente a mio agio ed è proprio l’essere me stessa, perché è fatta su misura per me, racchiude tutto ciò che sono ed è pronta ad accogliere ciò che sarò.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here